Mauro Villone



Aree di attività:

Piemonte, tutta Italia.


  • Facilitatore e organizzatore di eventi di diffusione delle tradizioni native e sciamaniche
  • Facilitatore e organizzatore di viaggi di ricerca spirituale e culturale in Brasile
  • Insegnante delle tecniche di meditazione trasmesse dal maestro Atma Nambi
  • Insegnante delle tecniche di canto e tamburo sciamanico trasmesse dal maestro di tradizioni native Carlos Sauer
  • Ideatore della SpiRitual Experience
  • Life coach e facilitatore di incontri individuali di orientamento al percorso spirituale
  • Donatore Diksha

CONTATTI

Cell. / WhatsApp: +39 3487299033
Email: mauro.villone@libero.it
Sito webwww.spiritualrio.com / www.unaltrosguardo.it





Categorie di appartenenza:

Crescita personale, Diksha, Meditazione, Pranayama, 

Respirazione, Risveglio del SéSciamanesimoTarologia.





MAURO VILLONE | Biografia

Nato il 13 settembre del 1958 ho studiato scienze geologiche all’Università di Torino. Ho avuto quindi nella prima parte della mia vita una formazione tecnico-scientifica e analitica. Successivamente ho dato inizio a un lungo percorso sia come autodidatta, sia avvalendomi di diversi maestri e corsi, in direzione olistica.


Ho fatto numerosi corsi di meditazione, Atma Healing, Pranic Healing, donatore Deeksha, tradizioni native e medicina cinese. Ma non amo pubblicare attestati e certificazioni, anche perché il mio ruolo è senza dubbio quello di Orientatore su diversi percorsi di risveglio e crescita personale e spirituale, che ho approfondito in anni di ricerca e esperienza sul campo. Come sciamanismo, massaggio spirituale, chirurgia spirituale, meditazione, volontariato, abbraccio, relazioni interpersonali, grounding.

Organizzo percorsi di esperienza spirituale in Brasile e in Italia. Partendo da un assunto fondamentale. La cura è sempre presente nell’universo. Il disagio fisico, mentale, psichico, spirituale, persino gli incidenti, le difficoltà di relazione, di lavoro, con il denaro, si manifestano sempre solo quando si è disconnessi dalla fonte universale. Quando sono ostruiti i canali che dovrebbero permettere l’afflusso di energia, che è sempre presente, dall’universo al nostro temporaneo essere su questo pianeta. Questo tipo di approccio non sostituisce nessuna terapia medica, anzi è complementare ad altre terapie.

Oggi risiedo e opero soprattutto in Brasile, ma sono spesso in Italia, proprio per portare da fuori nel mio paese di origine opportunità di crescita spirituale.

Il mio percorso è stato lungo e articolato, passando attraverso yoga, meditazione, studio dei mandala, dei tarocchi, della dinamica comportamentale, dei mantra, del buddismo. Ho viaggiato parecchio, spesso con l’intento specifico di indagare usanze spirituali diverse, in India, Cina, Nigeria, Turchia, Grecia, Perù e molti altri paesi.


Sono appassionato di libri, ne ho letti a centinaia, fino a scriverne uno che sintetizza una quantità di conoscenze acquisite nel corso di decenni: “Il Mistero della Libertà”.

Ho viaggiato in tutto il Brasile, prendendo contatto con numerose realtà olistiche e spirituali, stringendo relazioni anche con tribù indigene. In particolare ho soggiornato nei villaggi Huni Kuin in Amazzonia e Fulni-o in Pernambuco, facendo attività spirituali con loro.
Ospito regolarmente a Rio, nella nostra sede, questi fratelli sciamani per diversi mesi l’anno.


A Rio, dove risiedo, dirigo la Ong Para Tì, impegnata nel sostegno a 40 bambini poverissimi di favela. La Ong si sostenta con donazioni private e con l’affitto di camere, dove ospitiamo volontari e viaggiatori solidali. Negli ampi spazi comuni organizziamo diversi eventi come Satsang indiani, sessioni di yoga e meditazione, rituali sciamanici, sessioni di pitture corporali, donazioni Deeksha, ritiri spirituali, cerimonie indigene, sessioni di canti e tamburi sciamanici, percussioni samba, cerimonie Rapé e Jurema.

In Brasile seguo molto attentamente le persone che ospitiamo per periodi che vanno da una settimana a diversi mesi, per quello che abbiamo chiamato SpiRitual Experience. Un percorso di cura spirituale attraverso meditazione statica e dinamica, donazioni deeksha, sciamanismo, canti e tamburi, bagni di cascata, volontariato, tende del sudore, pitture corporali, cerimonie ayahuasca e jurema, massaggio spirituale, escursioni in foresta e parchi marini, bagni di mare.

In Italia organizziamo eventi di una serata, oppure uno, due e tre giorni, nei quali teniamo 

  • Satsang con il nostro maestro indiano
  • cerimonie di canti e tamburi intorno al fuoco
  • trattamenti sciamanici
  • meditazioni statiche e dinamiche
  • workshop di tradizioni native
  • workshop di tecniche per il recupero della libertà.
Possibili anche incontri individuali di orientamento, sia di persona che via Skype o WhatsApp.


Sabino01jpg

MAURO VILLONE | Esperienze

Opero in Piemonte, ma mi sposto in tutto il resto d’Italia. Sono in Italia alcuni mesi l’anno. Risiedo in Brasile, a Rio de Janeiro, dove dirigo una Ong e organizzo SpiRitual Experience e percorsi terapeutici alternativi. Viaggi di ricerca spirituale e culturale.

Per comprendere approfonditamente lo spirito e le metodologie (se così vogliamo chiamarle, poiché è tutto molto istintivo e intuitivo) con le quali opero occorre proseguire nella lettura.

Vivo in Brasile dove da anni faccio ricerca spirituale sperimentando concretamente, con esperienze personali e di gruppo, diverse tecniche di meditazione e di modificazione dello stato di coscienza.

Sciamanismo, piante amazzoniche, canti e tamburi, diversi tipi di meditazione. Ci vogliono anni di applicazione, ma a un certo punto si riesce a cominciare a uscire dalla Matrix, praticamente, con la coscienza. Alcuni hanno questo dono naturale fin da piccoli, altri ci riescono a 20, 30, 40 anni e oltre. La maggioranza non si immagina nemmeno che sia possibile.

A dicembre 2019, nel corso di un lungo ritiro di diverse settimane con il maestro indiano Atma Nambi in Brasile, ho vissuto una delle esperienze più sconvolgenti della mia vita e difficilissima da spiegare. In chiusura del workshop "Atma Healing", guarigione dell'anima, abbiamo fatto una meditazione di guarigione, guidata da Atma Nambi. Una quarantina di persone sedute hanno cominciato a recitare le sillabe del mantra OmNamaShivaYa, ognuna relativa a un chakra. Arrivati al chakra della Corona si è recitato all'unisono tutto il mantra, insieme a un supporto musicale, alzandosi tutti in piedi portando le braccia in alto. Era meraviglioso, ma pensavo a una normale meditazione, invece a un certo punto ho sentito una forza inaudita e stratosferica di colore giallo che mi attraversava il corpo dalla testa ai piedi, tirandomi violentemente verso l'alto.

Sentivo qualcosa che entrava dai palmi delle mani e scuoteva tutto il corpo, che ha cominciato a vibrare incontrollabilmente. Una sensazione magnifica e terrificante insieme. Ho cominciato a urlare fortissimo e a piangere. Con il corpo teso verso l'alto, come la corda di un arco. Sarà durato diverse decine di minuti, ma volevo che non smettesse mai, anche se per certi versi era insopportabile. Sentivo che altri in sala entravano in processo come me. Dopo diverse decine di minuti la musica è cessata lentamente e siamo rimasti immobili per diversi minuti in piedi. Chi piangeva, chi non riusciva a controllare i vocalizzi. Ho pianto come non mai, con la sensazione di trovarmi di fronte a qualcosa che non avevo mai sperimentato in tutta la mia vita, nemmeno con la potentissima Ayahuasca.

Poi Atma Nambi, continuando a guidare il processo, con la voce bassa e ferma, ci ha fatti sedere. Diceva «questa è la vostra vera natura, questa è la forza curatrice del nulla. Dio è il nulla, ed è anche tutto». Ho impiegato tre minuti per riuscire a sedermi, stravolto. Il mio processo sarà durato in tutto un'ora e mezza, altri sono entrati in catarsi che saranno durate tre o quattro ore. Nel frattempo è calato il buio e molti hanno lasciato la sala, mentre dentro saranno rimasti una ventina tra quelli in processo catartico e quelli in meditazione.

Ci trovavamo in una antica fazenda, immersa nella natura a Buzios, 180 chilometri a nord di Rio de Janeiro. Quando io, insieme ad alcuni altri siamo usciti, ci siamo trovati di fronte a uno spettacolo mai visto prima lì. Tra le fronde degli alberi ci saranno state centinaia e centinaia di lucciole. A mucchi. Uno spettacolo esagerato. Ho passato le due ore successive entrando e uscendo dalla sala dove Atma Nambi e altri davano supporto, con la sola presenza, a quelli in processo catartico. L'atmosfera era magica. Stavo benissimo. Non ho mai vissuto prima un'esperienza così. È stato meraviglioso.

Successivamente ho vissuto, e sto vivendo tuttora, altre esperienze simili, ma più dolci, anche da solo. Avevo già vissuto altre precedenti esperienze, specie con le piante amazzoniche, ma anche con la meditazione, che descrivo nei miei blog.

Da anni tengo conferenze, presentazioni e workshop. Sento la necessità di intensificarli per condividere con altri questo ingresso di luce liberatoria nelle nostre vite.

Trasmetto tecniche di meditazione di Atma Nambi, ufficialmente autorizzato da lui, come tecniche di canto e tamburo sciamanico, sempre autorizzato ufficialmente da Carlos Sauer, mio maestro brasiliano di tecniche di tradizioni native.

Collaboro umilmente con Tafkea e Flydjwa, curanderos della tribù Fulni-o.

Mi interessa sperimentare esperienze concrete, che concretamente migliorino la qualità delle nostre vite oggi, quotidianamente e dandoci al contempo la consapevolezza dell'eternità della vita. La stessa concretezza voglio trasmetterla ad altri.

OmNamaShivaYa




Alcune considerazioni

I temi che sviluppo negli incontri, sia privati che di gruppo, che faccio sia in Italia che in Brasile, nascono in buona parte da una serie di considerazioni che sviluppo nel mio libro "Il Mistero della Libertà". Sono cose che per molti sono novità. Altri credono invece di conoscerle benissimo, ma è vero solo sul piano teorico. Poiché la stragrande maggioranza di quelli che sanno ciò che più avanti vado a elencare in realtà sono liberi solo sulla carta e non riescono veramente a vivere la libertà sulla propria pelle.

1. Hanno viziato tutti, abituando a vivere nel comfort, creando così la possibilità di ricatto. Ovvero, se abbandoni questo sistema ti troverai a soffrire per sopravvivere. Non è vero. L’Universo si prende cura di ognuno di noi.

2. Lo spauracchio della mancanza di denaro, dell'assenza dell'assicurazione e della pensione. È una carta invincibile, poiché tutti hanno paura della fame e di rimanere senza il comfort di cui sopra. Ma in realtà le risorse dell'Universo e dell'Amore sono infinitamente ricche. Ci hanno abituato a non crederci.

3. Il bastone del senso del dovere. Inventato di sana pianta. Come se un Dio avesse sancito l'esistenza di questo valore non si sa sulla base di quali leggi.

4. La carota della carriera. L'idea, da somari, di dover fare bene i propri compiti, di dover espletare bene i propri doveri (inesistenti) per avere in cambio riconoscimento sociale, aziendale, di gruppo. In realtà si finisce in un labirinto di corridoi e saliscendi senza fine che vi fotte l'intera esistenza.

5. La truffa del senso di colpa. Anche questo inventato di sana pianta. Con in più, nel caso delle religioni, con l'umiliazione-truffa della confessione, per espiare non si sa cosa, visto che siamo nati liberi e felici e non esiste nessun peccato originale, figuriamoci tutti gli altri.

6. L'idea di dover essere "qualcuno", inventata non si sa in base a cosa. Come se essere "nessuno" fosse un errore, ma, ancora peggio, come se ci fosse qualcuno che sa veramente "Chi è". Quando alla domanda "Chi sono io?" riescono a rispondere a mala pena grandi maestri illuminati dall'infinito passato.

Mi fermo qui poiché l'elenco è infinito. Per andare avanti in questo elenco potete richiedermi il mio libro. Non mi importa niente di “vendervelo”, poiché 15 euro in più o in meno non mi fanno la differenza. Mi farebbe piacere però se poteste utilizzarlo per togliervi le fette di salame dagli occhi e diventare coscienti della palude dove milioni e milioni di persone si sono cacciate. È ora di reagire a questo stato di cose. Il modo di uscirne c'è. Non l'ho inventato io. Di tipi in gamba che possono dare una mano agli altri sul pianeta ce ne sono. E io ho avuto la fortuna di incontrarne alcuni.

Tutti quelli che di fronte a queste cose commentano con. “È vero!", o "Pura verità" e cose simili, sanno sì che è la verità sul piano teorico, ma non riescono minimamente a uscire dal casino nel quale si trovano. Lo affermo con sicurezza per la semplice ragione che se fossero liberi vorrebbero, come me, aiutare altri a liberarsi e, come me, si impegnerebbero per farlo.
Quelli poi che ti spiegano che ognuno ha i suoi tempi, lo vadano a spiegare agli 800 milioni di persone che grazie a questo sistema schifoso sono a rischio di morte per fame, mentre altri sono così grassi da non riuscire a stare su una sedia o si preoccupano di farsi tirare come bambole horror fino alla morte.

Per tutti gli altri non posso che sperare che vengano ai miei incontri. CI DIVERTIREMO INSIEME. Perché c'è da ridere, una volta scoperto ciò che realmente siamo, guardando quel poco che credevamo di essere. Siamo esseri sacri. La possibilità di liberarsi veramente esiste. Ha un prezzo altissimo, ma certamente non impossibile.



Il proprio Sogno – La scoperta della propria vera vita

Workshop di 1 o 2 giorni

Con il supporto di dispense, del testo “Il Mistero della Libertà”, esercizi di scrittura, dialogo, proiezione slide, meditazioni, canti e tamburo, esperienze e forte coinvolgimento motivazionale, vengono affrontati i numerosi temi sviluppati nel mio libro. Su base esperienziale e non solo teorica. Dal distacco al karma, dai condizionamenti al senso del dovere e al senso di colpa, dall’attaccamento ai sogni, dalla morte alla propria missione, approfondendo sul piano esperienziale tutto quanto costituisce la sfida della nostra vita quotidiana, per arrivare a osare di vivere veramente.


contatore dati internet

I contenuti testuali, grafici e multimediali ospitati dal sito di Ahau Eventi Olistici - e qui compresi tra titolo della pagina e counter delle visite - sono di proprietà dell’Operatore qui riportato, che li ha forniti e/o approvati in fede e sotto la sua piena responsabilità. Possono essere riprodotti altrove, anche parzialmente, solo previo consenso dell’Operatore stesso.